Yambù e Voolcano Harmonix presentano Free to Love


Warning: Illegal string offset 'filter' in /home/fabioruolo/webapps/strettoblaster/wordpress/wp-includes/taxonomy.php on line 1442

Yambu e Voolcano Harmonix
Napoli, once again. La zona grigia tra le sonorità hip hop e l’elettronica d’avanguardia è ormai una realtà piuttosto consolidata ed affollata, da ogni longitudine e latitudine, e, scusate se ci permettiamo, magmatica. Nel ribollire del calderone i sottogeneri non mancano, e oggi parliamo di abstract.

L’occasione ce la dà Voolcano Harmonix, label partenopea nata nel 2012 dall’incontro di Breakstarr, Sonakine, Mopo e Gianni Blob. In due parole, buona parte della crema del beatmaking made in Naples.

Dopo una serie di release in digitale, con le quali il gruppo mira a promuovere la scena campana dedita appunto alla corrente abstractil loro bandcamp è qui per voi – la produzione si evolve nella realizzazione fisica di supporti in vinile, con l’aggiunta al gruppo di Jack. La prima release in vinile è stata proprio di Breakstarr, intitolata Sick City (ne riparleremo), ed è distribuita nei maggiori stores europei. A seguire, il prossimo vinile sarà l’album di Sonakine, previsto per i primi mesi dell’anno venturo.

Settato lo sfondo, parliamo quindi di Yambù e del suo progetto Free To Love, nuova produzione targata VH. Classe 1990, il ragazzo ha dalla sua lo stesso amore dei suoi compari, e lo esprime con una produzione breve, sognante e dalle tinte pastello. Un gioco di sfumature, quelle legate all’amore, che toccano e sollecitano tutti i sensi. Un gioco d’olfatto, passione, armonia, melodia.

Yambù stesso dice che questo progetto è “(…) tutto quello che è la vita, quello che essa abbraccia e di cui è figlia. Rappresenta tutto il bello che ci circonda, scavando il manto del malessere e della discriminazione. La musica è il primo frutto di tutto questo, che giorno per giorno ci fa vivere l’emozione e il privilegio di poterla conoscere. Free to love è questo, un grazie infinito“.

Un viaggio raffinato, vaped out quanto basta per essere godibile e sognante. Ci troverete dentro breaks rotolanti, basslines morbide e linee di synth che accarezzano e tratteggiano umori languidi.
Ascoltate voi stessi.

Share Button