Vodka, pennette e Salt N Pepa

Nell’ultimo anno ho avuto un personale ritorno alla vecchia scuola: di tanto in tanto mi ritrovo ad ascoltare White Lines e Rock It con più gusto di 20 anni fa, e a cucinare piatti ormai finiti nel dimenticatoio.

L’inizio di questo nuovo millennio è stato e continua ad essere all’insegna del sushi, dell’orientale, del biologico, del riciclato, del naturale; trent’anni fa invece, quando eravamo tutti più giovani (o piccoli se preferite), il mondo era ben diverso. Ad esempio per me gli anni ’80 significano soprattutto spalline imbottite, capelli permanentati, elettrodomestici in plastica gialla, e pennette alla vodka. All’epoca i leggings si chiamavano fuseaux e le Salt’n’ Pepa andavano forte con il rap malizioso Push It, dall’LP Hot, Cool and Vicious, pietra miliare del rap old school.

Salt, Pepa e Spinderella sono sempre state tre signorone del Queens davvero capaci, tanto da portare a casa un Grammy ed arrivare a più riprese a dischi di platino e vette delle classifiche di tutto il mondo: e anche questo è il rap che ci piace, quello che vende e vende qualità.

Tornando a noi, la ricetta che vi propongo oggi è quella delle fenomenali pennette alla vodka del signor Caressa (sì, quello delle telecronache), hot e terribilmente retrò: una ricetta che potete preparare al volo poiché il sugo ha una cottura velocissima.

Ingredienti per 2:

  • 200 g di pennette;
  • 1 piccola cipolla tritata;
  • 200 g circa polpa o passata di pomodoro;
  • vodka liscia;
  • peperoncino macinato (opzionale);
  • 2-3 cucchiaiate di panna fresca o da UHT da cucina;
  • sale;
  • parmigiano grattato.

Mettete a bollire una pila d’acqua; in un bicchiere versate un paio di dita di vodka e aggiungetevi il peperoncino macinato: lasciarlo per qualche minuto immerso nell’alcool vi aiuterà ad estrarre tutto il sapore dai semi.

In una larga padella versate un giro di olio, fate scaldare e soffriggetevi la cipolla. Fatela dorare per un paio di minuti a fiamma viva, poi sfumate con la vodka. Fatela evaporare, dopodiché versate nella padella sia la polpa di pomodoro che la panna e fate cuocere per due o tre minuti a fiamma viva.

Quando l’acqua avrà raggiunto il punto di ebollizione, salatela e calate le pennette; scolatele un minuto prima di quel che dice la confezione (sempre che riusciate a trovare il tempo di cottura sulla confezione, notoriamente nascosto dai grafici dei pastifici per far dispetto a noi mangiaspaghetti) e tuffatele nella padella col sugo. Coprite di abbondante parmigiano grattato, saltate e servite.

Mangiate come spuntino di mezzanotte, guardando Dallas in replica sullo streaming pirata.

…okay ho esagerato: scherzavo su Dallas, mangiate e basta, buon appetito!

Share Button