The Blast Podcast #59: Tullio in Higher Style

the blast podcast 59 tullio higher styleNuovo appuntamento con il podcast col botto, nuovo ospite. Andiamo a Milano. Oggi suona i dischi per noi Tullio. E visto che probabilmente non sai chi è Tullio, abbiamo pensato di presentartelo. Gli abbiamo posto qualche domanda in scioltezza. E lui, che è un giovin signore a modo, ha garbatamente risposto.

Per esempio, potremmo iniziare a dirti chi è Tullio.

Tullio? E’ solo un alias, uno pseudonimo nato per caso. Mi considero un semplice appassionato. Amo la musica tanto quanto amo il suono, in tutte le sue forme e sfumature. Con i vari tecnicismi annessi e connessi che ne conseguono. Vuoi per istinto o per deformazione professionale (Mr. T è un sound engineer, nda) visto il background e le varie esperienze, lavorative e non, passate e presenti.

E come inizia la sua storia d’amore con la musica? Te lo stai chiedendo, lo sappiamo, e per questo abbiamo girato la domanda al gentiluomo.

Inizia tutto con Blood On The Dance Floor, primo disco che acquistai, nel 1997. Precedentemente ho vaghi ricordi sui miei trascorsi musicali. Rimasi folgorato dalla cultura Hip-Hop di quel periodo e da tutte le produzioni nostrane ed estere che non possono essere dimenticate. Tanto rap, tanto scratch. Troppe cose fatte per essere elencate brevemente. Ho tenuto alla larga gli stereotipi spostandomi, dalla gente e dal genere, sempre in punta dei piedi. Il blues, il jazz , tutta quella che può essere considerata elettronica, nelle sue più svariate forme – dalla ambient alla techno, passando per la sperimentale, ma anche musica etnica per lo più asiatica ed africana. La musica raï di provenienza algerina la ascolto tutt’ora. Alcuni sotto-generi del rock come l’alternative o la psichedelia, ma soprattutto tante contaminazioni che vedono chiamare in causa svariate scuole di pensiero e diversi movimenti musicali. Mi è sempre piaciuto andare a ritroso per capire ciò che vi era un tempo per comprendere meglio l’attuale.

Cosa distingue le selezioni di Tullio? Glielo abbiamo chiesto.

Non saprei. Sinceramente non ho tutta questa esperienza ed il gusto si affina con il tempo. Sicuramente mi piacciono le cose fatte con sentimento o che traspongono emotività. Forse quella è la chiave principale nel decidere cosa mi piace. La parte ritmica è fondamentale tanto quanto quella melodica ed armonica. Poi se la musica è suonata da strumenti e/o persone reali meglio ancora. Se evoca ricordi & scenari tanto meglio. Vado comunque a momenti e periodi e la scena roots reggae , l’avvento e l’utilizzo delle prime apparecchiature analogiche , quello che viene denominato come dub mi interessano parecchio. Non è ne il punto di partenza ne di arrivo per il sottoscritto. Non amo fossilizzarmi.

E questo ci sembra chiaro. Altro da aggiungere, Tullio? Vuoi dire della tua selezione?

Dai vinili scelti in questa breve selezione risulta chiaro quali siano i periodi di mio interesse. La speranza è che essi possano essere stimolanti per altri tanto quanto lo sono e lo sono stati per me.

DOWNLOAD: The Blast Podcast #59 – Tullio in Higher Style

The Blast Podcast #59 – Tullio in Higher Style by Strettoblaster on Mixcloud

Share Button